Dai campi alla metropoli

Purtroppo l’antropologia italiana è rimasta radicata al territorio locale piuttosto che crearsi uno spazio a livello internazionale ed accademico, per cui le nostre monografie non hanno fatto il giro del mondo e siamo stati relegati a dei meri esperti di folklore.
Se vogliamo però vedere il lato positivo della questione, la nostra cultura agricola e post-Risorgimento è stata approfonditamente studiata ed i numerosi musei demologici ne sono la prova.

Cercando ho trovato un’interessante lista di queste esposizioni nel territorio milanese e contro di far visita a quelli dell’area brianzola prima di partire:

..: Museo Etnografico Monza e Brianza

..: Museo Agricolo della Civiltà Contadina “L. Carminati”
San Giuliano Milanese (Milano) – Cascina Carlotta
Tel. 02/9840928

..: Museo di Arte Estremo-Orientale e di Etnografia
Milano – via Mosè Bianchi, 94
Tel. 02/48009191

..: Piccolo Museo di Usi e Costumi
Aicurzio (Milano) – Villa Comunale, via Ferris, 5
Tel. 039/6093015 (Biblioteca Comunale)

..: Museo Storico Civico
Cuggiono (Milano) – p.zza XXV Aprile
Tel. 02/974317 (Responsabile)

..: Museo Agricolo
Ronco Briantino (Milano) – p.zza Dante
Tel. 039/6079018 (Comune)

Ora, quel che si può sperare è che accanto agli studi campanilistici del nostro passato, si cominci seriamente ad approfondire le conseguenze sociali della globalizzazione e della fusione etnica nel nostro Paese, dato che l’argomento è di importanza cruciale per delle sane pianificazioni e delle politiche oculate.

Carpe diem! Approfittiamone adesso che la Lega è stata sconfitta alle amministrative 😉

I nuovi Ghetti...

I nuovi Ghetti…

Annunci