Magnifica colonna

Prima di Tucidide regnava il caos…
Va bene, discutibile, si potrà citarmi un certo Erodoto o un curioso Omero, ma personalmente considero Tucidide la base della letteratura, il punto di partenza!
Un’altra argomentazione discutibile potrebbe essere che Baricco sia un genio: mai scrittore mosse più polemiche di lui, in Italia.
Evidentemente le polemiche mi attirano, se giudico Tucidide il crepidoma dello scrivere e Baricco l’abaco.

Ed ecco che scopro il loro connubio.
Voi certamente conoscerete già le “Palladium Lectures”, ovvero quattro lezioni tematiche tenutesi al Palladium di Roma nel gennaio 2013.
Io le ho scoperte un po’ dopo, mentre cercavo in libreria qualcosa di Baricco che non mi fosse ancora passata tra le mani…

E qualche giorno fa ne ho parlato, del mio incontro con quell’uomo, quel narratore…permettetemi, quell’astro.
Nella notte tra il 4 e il 5 novembre di tre anni fa, precisamente un anno dopo la mia rinascita,  ho avuto il piacere di conversare con lui di navi e di mare e di Novecento (e di rinascite dalla schiuma del mare)…eravamo ovviamente in Feltrinelli, era tardi e non c’era più nessuno dietro di me ad aspettare un autografo…così c’è stato il tempo, anche per ridere.

E per scrivere una dedica da brividi.

Baricco 2

“…facevi due curve e giravi dietro a una collina, alla fine, d’improvviso, vedevi il mare. Non l’aveva mai visto prima, lui. Ne era rimasto fulminato. L’aveva salvato, a voler credere a quello che diceva. Diceva: “È come un urlo gigantesco che grida e grida, e quello che grida è: ‘Banda di cornuti, la vita è una cosa immensa, lo volete capire o no? Immensa’.”

– A. Baricco, Novecento

Baricco 1

Annunci