Scrittori del Litorale adriatico

Ieri sera, alla LEG (Libreria Editrice Goriziana), è stato presentato il nuovo libro della letterata Anna Maria Sanguineti: “Il Litorale adriatico e gli Asburgo tra storia e cultura, scrittori mitteleuropei – da Kafka a Svevo”.
La monfalconese ha ripercorso gli ultimi anni del dominio asburgico sul territorio carsico e triestino, tentando di cogliere le possibili influenze storiche sugli scrittori locali del periodo, dal fascino dei nazionalismi alla decadenza, fino alla malinconia per il governo ormai tramontato.

La nota attrice goriziana Maia Monzani ha interpretato alcuni brani di Zweig, Rilke, Slataper, Saba, Marin e altri autori…tra i quali Virgilio Giotti.
Per me è stata una scoperta, una scoperta emozionante.
Una lacrima è scesa per la poesia in dialetto “I zacinti”.

20140705-171035-61835942.jpg

Traduzione:
I due rametti di giacinti
bianchi e lilla li guardo,
che sono simili
al tuo viso di prima
che porgendomeli, un po’ tu ridevi,
sorreggendomeli in mano con le tue,
pallida e i denti bianchi.
Pallidi qua nel bicchiere,
sullo sbiadito del muro,
nel sole che entra, che striscia
sulla pietra rovinata del balcone.
E in tutti loro non v’è che quel pallido
lilla lucente,
una fiamma lasciata
ad ardere e intanto è spuntato il giorno;
e il buon odore di cui hanno riempito casa.
Come questo amore nostro,
che in tutto non è che un niente, là, una pallidezza;
ma una pallidezza che splende,
che brucia, e un odore buono, una speranza,
che mi colma il cuore quando sto bene:
una casa mia e tua,
stendere insieme la tovaglia,
io e te, sulla tavola,
con qualcuno che s’alza
sulle punte dei piedi
piccoli e si sforza di guardare
quel che stiamo preparando.

Annunci