Incontri – FrecciaBianca 7937

Dopo averlo cercato con gli occhi, l’anziano signore con la voce più calda del mondo mi rivolge la parola:

“Cosa leggi di bello?”
“Tristi Tropici…Levi-Strauss…”
“Ah! Ma studi Filosofia?” “Antropologia!”

Con calma afferra il cappello e si stringe nel cappotto: mi racconta di quei pochi mesi in cui ha insegnato Filosofia al Liceo.

Che occhi! Che espressione!
Ma ormai deve scendere.
Con una forte stretta di mano suggella il patto: leggerò “Platone è meglio del Prozac”. Lui sa che fa per me.

E mentre mi sento una piccola, pretenziosa Rumiz, volgo lo sguardo al cartello della stazione: “Vicenza”.
Una lacrima mi scorre sul viso solare e avvampato: le convinzioni dell’adolescenza sono definitivamente morte.

Più invecchio, più mi sento viva.

BcCxN-3IAAAPq3j

Annunci